GIACOMO DE STEFANO a RADIO CLODIA: un altro fiume è PO…ssibile!

 

giacomo1.jpg

Su Radio Clodia – frequenza 103.6 oppure in streaming sul sito www.radioclodia.it

1411288721.jpg

 

 

 

 

 

 

VALENTINA AGATEA e GIULIA PENZO,

con SILVANO CATTIN,

MARTEDÌ 2 MARZO DALLE ORE 11.30 ALLE 12.30

intervisteranno in studio

GIACOMO DE STEFANO

che ci parlerà del suo progetto di tutela ambientale*, di turismo sostenibile, della bellezza dei fiumi e della loro valenza anche economica.

Ci racconterà della sua ultima impresa sul fiume Po, fiume purtroppo che sta vivendo ore drammatiche e che sta lentamente morendo sotto i nostri occhi.

In studio interverrà in collegamento telefonico anche ALESSIO BONETTO, esperto geologo, che ci illustrerà la situazione del fiume Po.

 

* Con “Man on the River” Giacomo vuole ridare centralità ai fiumi che attraversano l’Europa: partendo dal Tamigi, attraverserà il canale della Manica, risalirà i canali francesi fino a Strasburgo, si immetterà prima nel Reno fino a Norinberga e successivamente nel Danubio, attraversando Vienna, Bratislava e Belgrado fino a sfociare nel Mar Nero, e di lì ad Istanbul per una durata prevista di cinque mesi.

Durante l’intera durata della trasmissione tutte le persone interessate potranno intervenire sugli argomenti trattati con Giulia, Valentina e gli esperti in studio che cercheranno di rispondere e dialogare con quanti
volessero portare il loro contributo alla discussione.

Per comunicare:

inviare un SMS al numero 333 6355451 oppure

telefonare allo 041 40 50 45

e mail: diretta@radioclodia.it

CHI È GIACOMO DE STEFANO?

Nel suo sito http://www.manontheriver.com/about-giacomo/?lang=it si descrive così:

Un uomo. Chi è quest’uomo folle? Chi è mai questo profeta dell’acqua, questo “man on the river” che sembra quasi giocare il ruolo di un Forrest Gump in barca?

Giacomo si descrive come una “persona semplice”. Dopo aver trascorso diversi anni della sua vita lavorando come ricercatore e documentarista, si è posto l’obiettivo di rendere consapevoli uomini e donne della civiltà dei consumi (del tanto ad ogni costo) su come lo stile di vita sia decisivo per l’ambiente.

Vive su una barca nella laguna di Venezia; vive con poco, perchè spesso “meno è di più”, e sa resistere a quasi tutte le condizioni. Nel 2008 il suo ultimo progetto, “Un Altro Po” (www.unaltropo.com), lo ha visto risalire il fiume Po da Venezia a Pavia, in un viaggio seguito con collegamenti giornalieri da Radio 24 e con oltre 200.000 contatti sul proprio blog.

GENERE E LINGUAGGIO IN CAMPAGNA ELETTORALE

n309653568380_8547.jpgVi segnaliamo un’iniziativa interessante.

Questa riguarda proprio il linguaggio utilizzato in campagna elettorale e viene proposta da Giuliana Giusti, docente in linguistica dell’Università Cà Foscari di Venezia.

Vi riportiamo la petizione:

“Cari candidati, care candidate
vi proponiamo di riflettere sugli slogan e il linguaggio che utilizzerete in campagna elettorale, oltre che sulle politiche che proporrete e vi impegnerete a realizzare.
Il linguaggio non comunica solo un contenuto ma rivela anche il modo di vedere la realtà, e crediamo che non desideriate fraintendimenti da parte di chi vi voterà.
Vi chiediamo quindi rinnovare il vostro modo di rivolgervi all’elettorato riferendovi esplicitamente anche alle donne e non solo agli uomini: cominciate a parlare a elettori ed elettrici, a scrivere a cittadini e cittadine, a invitare persone e non più solo uomini. Le donne non stanno più fuori della porta del seggio elettorale: anzi, partecipano sempre più alla vita pubblica e proprio per questo la loro presenza deve essere resa visibile anche attraverso il linguaggio.
La sfida che proponiamo è culturale, ma anche profondamente politica: è tempo di andare oltre un linguaggio allusivo e impreciso in cui l'”uomo” rappresenta sia il genere maschile sia tutta la specie umana, per arrivare ad un linguaggio di parole vere che indichino in modo non univoco le persone cui fanno riferimento.
Il nuovo comportamento linguistico che vi chiediamo di adottare può diventare una grande occasione per modificare, attraverso la consapevolezza individuale, l’attuale modello di società e sperimentare possibili soluzioni a beneficio di noi tutte e tutti. Con questa nota vogliamo aprire con voi un confronto franco, concreto ed efficace. Confidiamo che la vostra campagna elettorale possa coinvolgere e promuovere le tante intelligenze femminili attive da anni in diversi settori ed in grado di essere protagoniste di percorsi innovativi per costruire una città migliore ed una cittadinanza attiva”.

Gruppo di studio Genere, lingua e politiche linguistiche


Tutto il materiale potete comunque trovarlo presso il sito dell’Associazione Amiche di ABCD

PER FIRMARE LA PETIZIONE:

cliccate il link
http://www.firmiamo.it/genereelinguaggioincampagnaelettorale

troverete sulla barra nera in alto Firma. Cliccate su firma e date i vostri dati. Inserite anche una bella frase.

BABY MOSE: A CHE PUNTO SONO I LAVORI?

 

 

n292136141713_7817.jpg

 

VALENTINA AGATEA E GIULIA PENZO 

su Radio Clodia in onda Martedì 9 febbraio dalle ore 11.30 alle 12.30

intervisteranno il Dott. Ing. Arch. GIAMPIETRO MAYERLE , dirigente dell’Ispettorato Generale per la Laguna di Venezia – MAGISTRATO ALLE ACQUE, Responsabile del progetto BABY MOSE,

per parlare di

BABY MOSE e MOSE: A CHE PUNTO SONO I LAVORI?

Sarà presente in radio anche ERIKA BALDIN dell’associazione Chioggia a Cinque stelle.

Potete ascoltare Radio Clodia sulla frequenza 103.6 o in streaming dal sito www.radioclodia.it

Durante l’intera durata della trasmissione tutte le persone interessate potranno intervenire sugli argomenti trattati con Giulia, Valentina e Silvano Cattin che cercheranno di rispondere e dialogare con quanti volessero portare il loro contributo alla discussione.

Per comunicare inviare un SMS al numero 333 6355451 oppure telefonare allo 041 40 50 45 e mail: diretta@radioclodia.it