IL CORPO DELLE DONNE, UN OSCURO SOGGETTO DEL DESIDERIO

Il corpo delle donne

Un oscuro soggetto del desiderio

la_reve.jpg

Sala del Consiglio del Comune di Chioggia 

Venerdì 30 gennaio ’09 alle ore 18.00

L’iniziativa, aperta a tutta la cittadinanza e a tutti i soggetti interessati, è organizzata dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Chioggia in collaborazione con il Comitato Donne di Chioggia e avrà luogo presso la Sala del Consiglio Comunale;

la discussione-dibattito porrà in luce il cambiamento della soggettività femminile anche attraverso l’esperienza artistica di due scrittori, un uomo e una donna, e la lettura psicanalitica sulla percezione sociale del corpo delle donne.

Intervengono:


Maria Grazia Marangon Assessore Pari Opportunità del Comune di Chioggia
Paola Zaretti Psicoanalista Consulente filosofico, Presidente OIKOS – BIOS
Armando Penzo Scrittore ed autore di Edipo Regina
Clara Caverzan Scrittrice e autrice di Desideria

Modera:
Valentina Agatea del Comitato Donne di Chioggia

 

In allegato, è possibile scaricare la locandina e il volantino dell’iniziativa.

Allegati:

 Locandina 30 gennaio Chioggia

 Volantino 30 gennaio

STALKING, firmato protocollo d’intesa

Stalking, firmato protocollo d’intesa

Presentazione

Il 16 gennaio 2009, a Palazzo Chigi, è stato firmato dal Ministro della Difesa, Ignazio La Russa, e dal Ministro per le Pari Opportunità, Maria Rosaria Carfagna, un Protocollo d’intesa che intende realizzare un rapporto di collaborazione tra le parti per rendere più efficace sia l’azione di prevenzione e di contrasto nei confronti di atti persecutori, violenti, sessualmente finalizzati o vessativi verso vittime vulnerabili, sia il raccordo tra i soggetti competenti ad intervenire.

Questi i punti programmatici stabiliti nel Protocollo:

  • sviluppare studi e ricerche di settore per approfondire il fenomeno della violenza di genere, ed aggiornare le strategie di prevenzione e contrasto, anche attraverso collaborazioni con la comunità scientifica, ed avvalendosi di uno specifico archivio per le analisi;
  • fornire un qualificato intervento di supporto ai reparti dell’Arma dei Carabinieri;
  • accrescere la formazione e l’addestramento nel settore del personale dell’Arma dei Carabinieri;
  • incrementare l’efficacia delle iniziative promosse dal Dipartimento per le Pari Opportunità e da altri attori Istituzionali e sociali, realizzando modalità di raccordo tra le rispettive componenti;
  • favorire la partecipazione dei Comandi territoriali alle iniziative di collaborazione interistituzionali sviluppate a livello provinciale.

Tale Protocollo d’intesa (che ha durata biennale e si intende tacitamente rinnovato salvo formale disdetta) può essere integrato o modificato in ogni momento, per nuovi aspetti che potranno emergere nel corso della collaborazione o per l’esigenza di definire meglio o precisare strumenti e modalità di collaborazione.

 

Fonte: Pari Opportunità – Difesa

Redazione internet – i.madonna@governo.it

Il mio ex mi picchiava, voglio una casa lontana da lui

Come Comitato Donne di Chioggia più volte abbiamo sostenuto la necessità di un servizio all’interno della città in cui le donne possano ritrovare uno spazio d’ascolto e che tale servizio possa prendersi in carico la persona dal punto di vista globale, altrimenti si possono verificare casi in cui la risposta alla persona viene data in maniera settoriale e parziale proprio come è successo alla signora che ha segnalato al Gazzettino la sua esperienza e che qui sotto riportiamo.

L’Assessore alle Pari Opportunità Maria Grazia Marangon nell’ultimo convegno di presentazione del volantino multilingue contro la violenza ci ha dato la disponibilità, confermata anche in altre occasioni, di darci una mano per l’apertura di un Telefono donna, che sarebbe il primo passo verso la costituzione di questo servizio e ci aspettiamo un aiuto e la stessa sensibilità anche da parte dell’Assessorato ai servizi sociali.

Se veramente vogliamo aiutare la famiglia, aiutiamola proprio a partire da quella che è la lotta contro la violenza che spesso si annida nella famiglia colpendo le persone più deboli.

 

 

 

fonte: Il Gazzettino di Venezia 

L’APPELLO DI UNA DONNA ASSEGNATARIA DI UN ALLOGGIO PUBBLICO

«Il mio ex mi picchiava, voglio una casa lontana da lui»

Sabato 17 Gennaio 2009,
Chioggia
      «Una casa distante dall’ex convivente che mi picchiava». Questo chiede Silvia Sfriso, una donna chioggiotta con gravi difficoltà sociali che ha chiesto aiuto all’associazione “Asso” guidata da Valentina Agatea. La donna per anni ha vissuto con un uomo che la maltrattava all’interno di una casa in via Busiola Sud, a Ca’ Lino, abitazione data in affitto all’uomo dal Consorzio di bonifica Delta Po-Adige presso cui lavora. Con il passare del tempo la situazione è diventata sempre più insostenibile, tanto che ora la donna, nelle ore in cui l’ex compagno si trova nell’abitazione (dalle 8 alle 17), è costretta a vagabondare per la città senza meta per evitare di incrociarlo e di mettere a rischio la propria incolumità. Da anni Silvia Sfriso è in lista per avere una casa comunale e l’alloggio la settimana scorsa finalmente è arrivato: un appartamento in via Alga, a Sottomarina. Una bella notizia se non fosse per il fatto che l’abitazione in questione dista pochi metri in linea d’aria dalle zone frequentate dall’ex convivente. per leggere tutto clicca QUI

RIORGANIZZAZIONE DEI CONSULTORI FAMILIARI

Ci segnalano, da Patrizia di Assemblea194:

Sono usciti una serie di importanti provvedimenti dalla Regione che qui riportiamo, rimandandovi ai link per una lettura completa.

 

Deliberazioni della Giunta Regionale N. 3914 del 09 dicembre 2008

Progetto Sperimentale “Piano di riorganizzazione dei Consultori Familiari per potenziare gli interventi sociali a favore delle famiglie”.


 

Deliberazioni della Giunta Regionale N. 3915 del 09 dicembre 2008

Interventi a sostegno della neo-genitorialità e della genitorialità. Legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 1250 e comma 1251, lettere b) e c).

Deliberazioni della Giunta Regionale N. 3912 del 09 dicembre 2008

Progetto “Sperimentazione di iniziative per l’abbattimento dei costi di servizi per le famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro”. Legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 1250 e comma 1251, lettere b) e c).

UN MUSICISTA CHIOGGIOTTO A X-FACTOR

m_ece528e0e9fc449aa61a82eb735a7700.jpgUn nostro concittadino passa il casting ad X-Factor:

trovate nel suo sito tutta la sua storia e il curriculum che, ragazz*, è proprio lunghissimo: 

CRONOSTORY: 1995 – comincia a suonare il basso 1997 – entra nei Relik in veste di bassista e l’esordio fu da gruppo spalla ai Mau- Mau e facendo concerti nella zona di Chioggia fino a sporgersi fino in Friuli 1998 – apre la mente a varie situazioni satellite ai Relik 1998 – comincia a scrivere e mettere in cassetto le sue prime canzoni 2000 – lascia i Relik e fonda i Thumar, Gruppo crossover NewMetal in cui suona la chitarra 2001 – entra nei Revolution come bassista e successivamente anche contrabbassista 2001 – comincia la registrazione coi Revolution di un disco 2002 – entra nel J24 gospel Choir in qualità di corista-solista 2002 – conosce e segue un corso di Elio Lazzarin, famoso insegnante e poli-strumentista il quale diventa fin da subito suo secondo mentore musicale 2003 – conosce il m° Luca Pitteri e comincia il suo anno di prove per entrare nel coro diretto dallo stesso maestro, il Venice Gospel Ensemble 2003 – comincia la sua esperienza come fonico e tecnico audio live 2003 …

Mi fermo qua, non basta un post, se volete andate a visitare il suo sito dove troverete anche i suoi provini a X-Factor.

 

 

Un abbraccio ad Enrico Nordio, dicendo che TIFIAMO PER TE! E VINCA IL MIGLIORE!

LIBERE DI SCEGLIERE, CHE COSA?

simb246.gifDALLA MANIFESTAZIONE...ALCUNE FOTO IN ARRIVO!! 

Vi ricordate?

E così, quatta quatta il 4 dicembre 2008 se ne esce una delibera di giunta del Comune di Chioggia per un protocollo di intesa tra AULSS, Comune e Centro di aiuto alla vita, in barba ad una legge dello stato come la L.194/78.

Nella delibera non viene citata la famosa delibera del consiglio comunale che aveva suscitato tanta indignazione e che aveva portato a Chioggia più di un migliaio di persone per  manifestare in occasione dell’8 marzo 2008 contro un consiglio comunale che il giorno otto febbraio alle ore 3.00 ca. aveva approvato l’ordine del giorno presentato da due consiglieri di Forza Italia con il quale si chiedeva al consiglio comunale di aderire ad una mozione in linea con la moratoria sull’aborto proposta da Giuliano Ferrara. Il consiglio aveva votato favorevolmente anche un emendamento in cui si prevedeva l’istituzione di un fondo per le associazioni ed i movimenti che sostengono la vita.

Il contenuto del Protocollo ripropone lo stesso obbiettivo, quello  di far sì che il Movimento per la vita  si introduca all’interno del Consultorio e questo ancora prima che sia approvata la proposta di legge regionale n.3.

 

Noi non ci rassegnamo a far passare sotto silenzio un simile attacco alla libera scelta delle donne!

PER LE STUDENTESSE INCINTE NIENTE TASSE UNIVERSITARIE!

Iniziamo il nuovo anno con una notizia positiva per le studentesse di Padova. 

fonte: Il Gazzettino  

Padova. l’università aiuta le studentesse
incinte: per loro niente tasse

Palazzo del Bo a Padova

PADOVA (17 dicembre) – Mano tesa da parte dell’Università di Padova verso le ragazze che, durante il corso di studi, rimangono incinte: Il senato accademico dell’Ateneo patavino ha infatti approvato sll’unanimità una delibera che prevede, per le ragazze in stato interessante, la possibilità di accedere all’esonero delle tasse nell’anno di nascita del figlio. La delibera rappresenta un primato in Italia e, senza dubbio, non resterà la sola, visto che la legge attuale prevede agevolazioni solo per specializzande e dottorande.
Ma che cosa cambia, in concreto, nell’Università di Padova? Prima di tutto le studentesse che scoprono di essere in stato interessante – fino ad oggi svantaggiate e spesso destinate a ritardare gli studi o perdere le borse vinte a inizio corso – potranno accedere all’esonero delle tasse per l’anno di nascita del figlio, inoltre sarà rideterminata per lo stesso periodo una valutazione di merito simulando l’immatricolazione al semestre successivo, così da garantire l’accesso ai corsi di studio di livello superiore. PER LEGGERE TUTTO CLICCA QUI